Luglio 18, 2024
11 °C Roma, IT

Percorso editoriale di Brand Journalism

Ultimissime
Emanuele Fortunati e i suoi “ritratti dell’anima” Giorgio Armani compie 90 anni: storia e capi iconici del Re della Moda Premio Strega 2024: vince Donatella Di Pietrantonio Grande Panda: l’ultima novità di casa Fiat BoNa Custom: borse, t-shirt e agende per un inno alla salute mentale Fashion Week Uomo: a Milano in scena la primavera estate ’25 Matteo Lunelli nominato Cavaliere del Lavoro: “Merito di tutto il team” Senza Nome, il bar di Bologna dove ordinare con la lingua dei segni Giugno è Pitti Uomo: a Firenze l’attesa kermesse Best Wine Stars Milano: l’evento dedicato a vini e distillati Tempo di swap party: shopping sostenibile a costo zero. Scopri l’evento Maraki: il Food Lab dove cibo e comunicazione si fondono Salone del Mobile 2024: Giorgio Armani presenta “Echi dal mondo” Salone del Mobile Milano 2024: gli eventi da non perdere Justme Milano: inaugurata la summer season. Aperta la terrazza estiva con la salita su Torre Branca La prima edizione di Fashionality: il workshop in cui l’immagine diventa strumento efficace dell’identità personale L’eccellenza italiana promossa dai giovani: a Milano debutta il Festival del Made in Italy. L’artigianato riparte dalle nuove generazioni Lusso Gentile: un progetto che punta a una rivoluzione culturale. Intervista a Gianluca Borgna, dal Grand Hotel Alassio Milano Fashion Week tra consuetudine e riforma. Valore allo streetstyle: la nostra Fotogallery Milano Fashion Week: un’edizione genderless e cosmopolita. Il nostro fotoreportage Armani Silos: la nuova mostra targata Aldo Fallai per Giorgio Armani Il mondo 2xMuse: a Vercelli il second hand è lusso, arte e community Solution Journalism Network: il “giornalismo delle soluzioni” compie dieci anni Milano, attenti alle strade: ci sono cinque euro da raccogliere. La nuova campagna di street marketing targata Gimme5 Mercato delle case a Milano: “L’agente immobiliare deve essere onesto e trasparente” Giardino zen: un angolo di pace tra le mura di casa Nasce People&Tourism, il magazine sull’ospitalità Mal di testa: i consigli dell’osteopata per combatterlo La Sicilia è servita: la cucina di Giusina su Food Network Indossare pezzi d’arte: i cappelli creati da Sara Wendy Moda mare 2024: il lusso non va in vacanza. Il beachwear luxury

GADO Sos: la piattaforma di primo sostegno per donne operate al seno

A Torino nasce la piattaforma GADOSoS, uno strumento online per dare un primo sostegno alle donne operate al seno e ai loro famigliari/caregivers. Prende il nome dall’Associazione “GADOS ODV Gruppo Assistenza Donne Operate al Seno”, che si impegna ad accompagnare le donne in un dignitoso decorso della malattia e garantire una miglior qualità di vita

GADOSoS accoglie l’iscrizione di personale medico e non, che ruota attorno al percorso di cura consigliato alle donne che affrontano il tumore al seno; la piattaforma è aperta a tutto il personale sanitario, pubblico e privato, che desideri contribuire a questa causa a titolo gratuito.

Il servizio è rivolto a donne su tutto il territorio italiano, è gratuito e semplice da utilizzare e permette all’utenza di avere una consulenza in tempi brevi, anche con professionisti fuori dalla propria zona di residenza.

«L’Associazione nel tempo ha riscontrato una generalizzata difficoltà a trovare un supporto specialistico di primo sostegno durante il percorso della malattia. Per rispondere a questo bisogno, GADOS ha scelto uno strumento innovativo, che si appoggia ai mezzi di comunicazione moderni per far dialogare specialisti e pazienti senza porre necessariamente un confine geografico, riduce drasticamente costrizioni di orario e limita i tempi di attesa, tipici del settore sanitario. GADOSoS permette anche alle/ai pazienti di prenotare in autonomia gli appuntamenti evitando l’intermediazione di centralini o segreterie, velocizzando così il processo e limitando la potenziale ansia data dalla condizione di malattia», spiega Rossella Noto, Presidente di GADOS.

GADOS vuole offrire all’utenza un servizio sempre più omnicomprensivo e, al contempo, permettere ai professionisti di mettere a disposizione le loro competenze e instaurare con i pazienti “un rapporto uno a uno”, che possa eventualmente proseguire, qualora le due parti lo desiderino, indipendentemente da GADOS e dalla piattaforma di primo supporto.

«L’idea è nata durante la pandemia da Covid-19, quando la comunicazione tra paziente e medico era spesso virtuale; abbiamo pensato che si potesse continuare ad utilizzare questa dimensione per andare oltre i confini locali e permettere di raggiungere con estrema facilità più persone su tutto il territorio», spiega ancora la Presidente di GADOS, «con il passare dei mesi, poi, ci siamo resi conto di quanto fosse necessario rispondere alle richieste di supporto dei pazienti con un servizio efficiente e rapido, che non si limitasse a dare supporto psicologico, ma che abbracciasse tante altre specializzazioni».

Come funziona GADOSoS

Per l’utenza

Per utilizzare la piattaforma è necessario versare la quota associativa annuale di 20€ ed essere soci di GADOS nell’anno corrente. Successivamente, viene attivato il profilo dell’Utente, che può registrarsi su GADOSoS tramite il sito GADOS | GRUPPO ASSISTENZA DONNE OPERATE AL SENO con nome, cognome, mail, numero di telefono. L’utente dovrà fornire anche un quadro della propria situazione clinica, che sarà visibile solo ed esclusivamente al professionista di riferimento.

La piattaforma presenta una lista di professionisti, divisi per specializzazioni (mediche e non), che hanno dato la loro disponibilità per le consulenze. Dall’elenco di professionisti si può scegliere a chi rivolgersi e inviare una richiesta di appuntamento, sulla base delle date e gli orari messi a calendario dagli stessi professionisti, che avranno cura di ricontattare l’utenza via telefono o con videochiamata. GADOSoS non fornisce un supporto di videochiamata integrato per lasciare la libertà di scegliere il mezzo di connessione preferito (Zoom, Google Meet, WhatsApp, etc.).

Per i professionisti

Il processo di iscrizione alla piattaforma è uguale per il professionista, che non deve essere socio Gados e non deve versare la quota associativa, ma fare un upload del proprio CV e numero di iscrizione all’albo. Tali documenti sono visibili solo all’Associazione, che li verifica prima di accettare un professionista, come garanzia di professionalità per l’utenza.

La piattaforma offre un calendario personalizzato ad ogni professionista, attraverso cui si potranno indicare le proprie disponibilità in totale autonomia e libertà, in base al proprio tempo.

Il progetto è stato realizzato con il supporto tecnico di Lynk Group, azienda che sviluppa prodotti e soluzioni innovative con la tecnologia del cloud computing, sviluppando sistemi altamente scalabili e resistenti. 

Si ringrazia Intesa Sanpaolo per il sostegno dato al progetto GADOSoS.

GADOS è un’associazione no profit che opera dal 1984 presso l’ospedale Sant’Anna e da due anni anche presso il Presidio del Mauriziano. Fino ad oggi ha aiutato 25.000 donne e le loro famiglie prima, durante e dopo le terapie oncologiche. Lavora per portare un’informazione chiara e semplice sulla malattia, grazie agli interventi di personale medico e non. Sostiene la donna operata al seno o in attesa di un intervento chirurgico, supporta le pazienti nel decorso della malattia e sensibilizza gli operatori socio-sanitari, le autorità e l’opinione pubblica. Promuove un sano stile di vita e il valore della prevenzione. GADOS è associata a Europa Donna Italia e ha contribuito alla recente formazione della Delegazione Europa Donna Piemonte.

Previous Article

Mercato delle case a Milano: “L’agente immobiliare deve essere onesto e trasparente”

Next Article

Milano, attenti alle strade: ci sono cinque euro da raccogliere. La nuova campagna di street marketing targata Gimme5

You might be interested in …

“Mettiamoci le Tette” salta in sella: e ci mette anche le gambe per la ricerca contro il cancro

Questa volta ci mettono anche le gambe. Oltre alla faccia, come sempre. E… alle tette.Ottobre torna a tingersi di rosa grazie all’impegno della Onlus “Mettiamoci le Tette”, che da dieci anni si occupa di sensibilizzazione, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.