Maggio 20, 2024
11 °C Roma, IT

Percorso editoriale di Brand Journalism

Ultimissime
Best Wine Stars Milano: l’evento dedicato a vini e distillati Tempo di swap party: shopping sostenibile a costo zero. Scopri l’evento Maraki: il Food Lab dove cibo e comunicazione si fondono Salone del Mobile 2024: Giorgio Armani presenta “Echi dal mondo” Salone del Mobile Milano 2024: gli eventi da non perdere Justme Milano: inaugurata la summer season. Aperta la terrazza estiva con la salita su Torre Branca La prima edizione di Fashionality: il workshop in cui l’immagine diventa strumento efficace dell’identità personale L’eccellenza italiana promossa dai giovani: a Milano debutta il Festival del Made in Italy. L’artigianato riparte dalle nuove generazioni Lusso Gentile: un progetto che punta a una rivoluzione culturale. Intervista a Gianluca Borgna, dal Grand Hotel Alassio Milano Fashion Week tra consuetudine e riforma. Valore allo streetstyle: la nostra Fotogallery Milano Fashion Week: un’edizione genderless e cosmopolita. Il nostro fotoreportage Armani Silos: la nuova mostra targata Aldo Fallai per Giorgio Armani Il mondo 2xMuse: a Vercelli il second hand è lusso, arte e community Solution Journalism Network: il “giornalismo delle soluzioni” compie dieci anni Milano, attenti alle strade: ci sono cinque euro da raccogliere. La nuova campagna di street marketing targata Gimme5 Mercato delle case a Milano: “L’agente immobiliare deve essere onesto e trasparente” Giardino zen: un angolo di pace tra le mura di casa Nasce People&Tourism, il magazine sull’ospitalità Mal di testa: i consigli dell’osteopata per combatterlo La Sicilia è servita: la cucina di Giusina su Food Network

Salone del Mobile 2024: Giorgio Armani presenta “Echi dal mondo”

Il rapporto di Giorgio Armani con il suo pubblico è sempre diretto e personale. Lo è in modo particolare in occasione del Salone del Mobile, quando vengono aperte le porte di Palazzo Orsini, storica sede del marchio. Dopo il grande successo dello scorso anno, continuando il dialogo con la città di Milano, la nuova collezione Armani/Casa, intitolata Echi dal
Mondo e ispirata ad atmosfere, colori e forme raccolti dal designer nel corso dei suoi viaggi o incontrati durante le sue ricerche, viene nuovamente presentata a palazzo, in ambienti ancora mai visti, seguendo un’idea di intimità e sorpresa.

In occasione del Salone del Mobile 2024, Giorgio Armani riapre quindi le porte di Palazzo Orsini, storica sede del marchio, per presentare la nuova collezione Armani/Casa intitolata Echi dal mondo.

«Avrei voluto fare il regista e in fondo ho realizzato il mio sogno: il mio modo di vedere lo stile è completo, va dagli ambienti alle persone che lo abitano. Per questa edizione del Salone del Mobile ho immaginato un viaggio ‘cinematografico’ nei paesi che da sempre mi ispirano: luoghi e culture dai quali colgo spunti che innescano personalissime rielaborazioni. Per questo ho voluto che l’arredo dialogasse con la moda, e per questo ho voluto presentare tutto nella sede di via Borgonuovo. Mi piace mostrarmi al pubblico nel modo più autentico e diretto», dichiara Giorgio Armani

Il percorso e la collezione

L’allestimento è pensato come un dialogo fluido tra moda e design. Si sviluppa attraverso alcune delle sale al primo piano di Palazzo Orsini, corrispondente ciascuna a una delle aree geografiche cui Giorgio Armani fa più spesso riferimento: Europa, Giappone, Cina, Arabia, Marocco. Seguendo sul pavimento la traccia di un nastro oro che conduce allo scalone d’onore e quindi al primo piano, lo spettatore si immerge negli ambienti del piano nobile dove i finissimi decori e gli affreschi settecenteschi creano lo scrigno perfetto per la collezione. Scandite dal disegno a pavimento di una mappa astratta, le terre d’ispirazione dello stilista si materializzano nei suoi oggetti del cuore e in creazioni uniche. In questa
disposizione immaginifica, dove le diagonali scardinano il classico rigore del palazzo, un sapiente gioco di specchi moltiplica le prospettive con rimandi a esotismi sempre nuovi. I cardini di questa mappa ideale si cristallizzano in alcuni degli abiti più iconici della collezione Giorgio Armani Privé, rappresentativi di un’estetica che punta a orizzonti lontani. In questo viaggio, di stanza in stanza, il mobile si fonde con l’abito e con i ricordi dei viaggi di Giorgio Armani in un unico flusso narrativo. A sottolineare la qualità personale del progetto, le stanze sono punteggiate da elementi che provengono
dall’abitazione privata: oggetti molto amati, raccolti in viaggio, che trasmettono una precisa idea dell’abitare e un gusto inconfondibile. Spazio di piena libertà creativa, la collezione presenta sperimentazioni di accostamenti inusuali di materiali, tecniche di decoro, lavorazioni preziose. Una raffinatezza tecnica frutto della produzione interamente realizzata in Italia e di una artigianalità che è principio identitario e fondativo di Armani/Casa.

Il viaggio ideale di Echi dal mondo conduce il visitatore attraverso le terre d’ispirazione, identificabili dai rimandi alle diverse culture estetiche e vestimentarie. I riferimenti all’Europa si ritrovano nella essenzialità delle linee e ai giochi di trasparenze e di luce del tavolo TROCADERO con gambe in plexi e piano con texture onde lacca platino e delle SOFIA, che sembrano scomparire, così come la riedizione del mobile RIESLING, in plexi canneté. Il boudoir, come un piccolo scrigno, accoglie l’abito gioiello, dalla forma scultorea e impreziosito da migliaia di finissime applicazioni.
L’attenzione per le texture e i dettagli delle armature dei Samurai, che lo stilista aveva in passato sintetizzato in una storica collezione ispirata a Kagemusha e rappresentata dall’abito d’archivio esposto, si ritrova nel prezioso mobile contenitore VIRTÙ, nella maniglia che si ispira all’impugnatura della katana e negli interni effetto stuoia con grafiche personalizzate.
Nella sala degli specchi, la Cina è rappresentata dalle delicate sfumature dell’oro: il tavolo VIVACE, con gambe scultoree come canne di bambù e top decorato in foglia d’argento con sfumature rosate, la consolle VENUS con il top in vetro laccato e decorato sul retro in foglia oro, la libreria VIRGOLA dalle mensole sospese, il divano VISO dal profilo curvo.
Sono ispirati alle atmosfere arabe “mille e una notte” la riedizione del mobile/contenitore CLUB, con interni di pelle blu, il pouf dalle linee morbide e il paravento, tutti rivestiti nello stesso tessuto canneté con ricamo a tema vegetale. Le statue di pantere di casa Armani ritornano in forma di ricamo sui cuscini decorativi VERVE. Influssi della cultura berbera si ritrovano nel letto MORFEO in noce canaletto, rivestito di velluto dai motivi geometrici, e nei tavolini ESAGONO, rivestiti in tessuto e resi speciali dall’applicazione di nappine. Il blu intenso dai riflessi cangianti della laccatura del mobile MIRO è ispirato invece agli indumenti dei Tuareg, cui Giorgio Armani ha anche dedicato una storica collezione di
abiti.

Corso Venezia

Nei giorni del Salone, le vetrine del grande punto vendita Armani/Casa di corso Venezia 14 creeranno un dialogo ideale con le stanze di Palazzo Orsini. All’interno del negozio, distribuite sui tre piani, saranno esposte le riedizioni di pezzi iconici, inclusa la Logo Lamp, punto di origine di Armani/Casa, nella sua nuova versione con il paralume realizzato a lamelle nella versione in legno di noce e laccata greige. Fra le novità è esposta la libreria in colore greige fatta per contenere una speciale edizione dell’Enciclopedia Treccani, in serie limitata, numerata e firmata da Giorgio Armani.

La collezione outdoor sarà esposta completa di novità: una composizione angolare, il divanetto a due posti, il tavolino basso, il lettino nella versione a due posti e il tavolo rotondo. Ricca anche l’offerta di oggetti, tra i quali spiccano gli animaletti stilizzati in pietre semi preziose come la giada e la labradorite, la candela multistrato girevole FRISBEE con il prezioso dettaglio in lamina d’oro bianco, oro giallo o oro rosa, e il raffinato cofanetto di tre candele PEGASO, declinate nelle versioni oro bianco, oro giallo e oro rosa, completo di spegnitoio. Dedicate al Salone, le candele VOYAGER riportano sul contenitore in vetro dettagli decorativi dell’affresco di Andrea Appiani presente nella Sala Ovale di Palazzo Orsini. La
collezione continuativa di oggettistica offre, in una nuova veste, i giochi da tavolo contenuti in box rivestite in pelle logata all over declinata in diversi toni del blu. L’offerta dei giochi comprende lo Shanghai, il Domino e il Gioco delle Carte, con i loro componenti in resina multicolor marmorizzata. Si aggiungono inoltre gli svuota tasche e le scatole decorative FOLIE in tecno cuoio bianco ghiaccio con dettagli in plexi effetto corno, nonché la cesta FUMO realizzata nello stesso materiale. Particolarmente prezioso il set di sei vassoi VESTA in legno laccato con inserto in madreperla, dettaglio ripreso sulla
lanterna VESTA.

Previous Article

Salone del Mobile Milano 2024: gli eventi da non perdere

Next Article

Maraki: il Food Lab dove cibo e comunicazione si fondono

You might be interested in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.