Aprile 19, 2024
11 °C Roma, IT

Percorso editoriale di Brand Journalism

Ultimissime
Salone del Mobile 2024: Giorgio Armani presenta “Echi dal mondo” Salone del Mobile Milano 2024: gli eventi da non perdere Justme Milano: inaugurata la summer season. Aperta la terrazza estiva con la salita su Torre Branca La prima edizione di Fashionality: il workshop in cui l’immagine diventa strumento efficace dell’identità personale L’eccellenza italiana promossa dai giovani: a Milano debutta il Festival del Made in Italy. L’artigianato riparte dalle nuove generazioni Lusso Gentile: un progetto che punta a una rivoluzione culturale. Intervista a Gianluca Borgna, dal Grand Hotel Alassio Milano Fashion Week tra consuetudine e riforma. Valore allo streetstyle: la nostra Fotogallery Milano Fashion Week: un’edizione genderless e cosmopolita. Il nostro fotoreportage Armani Silos: la nuova mostra targata Aldo Fallai per Giorgio Armani Il mondo 2xMuse: a Vercelli il second hand è lusso, arte e community Solution Journalism Network: il “giornalismo delle soluzioni” compie dieci anni Milano, attenti alle strade: ci sono cinque euro da raccogliere. La nuova campagna di street marketing targata Gimme5 Mercato delle case a Milano: “L’agente immobiliare deve essere onesto e trasparente” Giardino zen: un angolo di pace tra le mura di casa Nasce People&Tourism, il magazine sull’ospitalità Mal di testa: i consigli dell’osteopata per combatterlo La Sicilia è servita: la cucina di Giusina su Food Network Storie e valori attraverso capi e accessori: Erika Bijoux and More, dove il quotidiano si fa leggerezza e autenticità

Milano Fashion Week: un’edizione genderless e cosmopolita. Il nostro fotoreportage

Geometrie, contrasti tra rigore e modernità, l’eleganza del tradizionale che si sposa con le necessità dei tempi moderni che reclamano cambiamento e fluidità. La Fashion Week uomo che dal 12 al 16 gennaio è stata protagonista di Milano ha parlato di mescolanze, di rinnovamento e, soprattutto, del bisogno di affermazione di quei cambiamenti che, negli ultimi anni, cercano posto tra una cultura che si rinnova e fa spazio a nuovi costumi, nuove abitudini.

È stata una Fashion Week genderless e cosmopolita, in grado di rappresentare chi vuole sentirsi libero: di essere sé stesso, di essere cittadino del mondo. Come nessun altro evento, la kermesse modaiola sa identificare i valori che muovono la società, in un proseguo di tradizioni che trovano il loro compromesso nelle nuove idee che gli stilisti portano in passerella.

Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.
Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Fashion Week uomo: sarà un 2024 libero dagli stereotipi   

Parola d’ordine di questa ultima Fashion Week: fusione. Di stili, di generi, di forme.
Ribadite le scelte della stagione ancora in corso, che vede outfit in cui le misure e le geometrie giocano perfettamente: Gucci conferma il rigore dei cappotti lunghi, dei blazer e dei gilet perfettamente sagomati e lineari; Giorgio Armani propone l’uomo più elegante di questa Fashion Week 2024, un uomo capace di essere raffinato anche con un outfit sportivo come ha dimostrato anche Zegna con la sua nuova collezione di giacconi. Gioca con lo stile urban -come sempre- Dsquared2, le cui proposte per il prossimo autunno/inverno vertono su gusti giovanili, particolarmente marcati dal punto di vista di uno street che ricorda vagamente i primi anni 2000, per un tuffo in un recente passato ma adornato del presente più potente. Stili richiamati anche da Dhruv Kapoor, che propone geometrie colorate adottando dettagli capaci, da soli, di rendere unico un outfit: ricami, frange, lunghezze.

Anche sulle passerelle in cui la faceva da padrone il più tradizionale rigore di un classico outfit Made in Italy, non mancava il tocco genderless: segno di nuove necessità e di voglia di ritrovate interpretazioni, capaci di abbracciare chiunque voglia esprimersi (anche) attraverso la propria moda. Una tendenza, quella genderfluid, evoluta, rivista, studiata: non uno slancio esagerato, che corre il rischio di creare nuovi stereotipi, ma stili profondamente equilibrati e chiari nell’intento, magistralmente proposti da passerelle come Fendi nelle longuette tartan e nei colori tenui e Dolce&Gabbana con le sue camicie di raso animalier.

Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.
Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.
Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Un uomo padrone del ‘suo’ mondo: la Fashion Week uomo 2024 interpreta il Cosmopolitismo

Il desiderio di un’equilibrata unione tra oriente e occidente è il segnale più forte del Cosmopolitismo che questa Fashion Week uomo ha voluto interpretare: massima espressione di questa mescolanza è stata portata in passerella da Mordecai, tra geometrie che ricordano i Balcani e i colori del Sol Levante, il tutto espresso in comode morbidezze e tessuti soffici.
Uno stile espresso anche da Setchu, che ha segnato uno dei momenti più salienti di questa Fashion Week uomo con la sua presentazione all’interno di un bar milanese dove i modelli si confondevano tra gli ospiti del locale; ma Setchu non è stato l’unico ad aver scelto una location street, anche Msgm ha voluto stupire organizzando la sua sfilata all’interno della linea 1 della metropolitana di Milano, evento in cui si è visto sfilare anche l’ormai famoso Mattia Stanga che prossimamente presenterà il pre Festival di Sanremo.

Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.
Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.

Fashion Week Milano: i prossimi appuntamenti

Appena salutata la Fashion Week uomo, Milano sta già lavorando per accogliere la prossima kermesse: l’appuntamento è per il 21 febbraio, quando inizierà la Fashion Week dedicata alla moda donna autunno/inverno 2024/2025. La Settimana della Moda durerà fino al 26 febbraio e vedrà ben 165 appuntamenti in totale.

Fotografo: Alessandro Kerze Man. Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.
Previous Article

Giuseppe Talarico: da Quarto Oggiaro a Los Angeles, il sogno americano che si realizza

Next Article

La definizione di una femminilità forte e rinnovata: così LaHorse interpreta la moda donna

You might be interested in …

Dall’Italia alla California: quattro talenti nostrani all’evento di empowerment femminile ‘The stars in Pasadena’

Quattro straordinari talenti italiani saranno protagonisti all’evento di empowerment femminile “The stars in Pasadena” che si terrà nella splendida cornice dell’Imperial Palace Banquet Hall di Pasadena in California il 30 Gennaio 2024, all’interno della rassegna […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.