Aprile 19, 2024
11 °C Roma, IT

Percorso editoriale di Brand Journalism

Ultimissime
Salone del Mobile 2024: Giorgio Armani presenta “Echi dal mondo” Salone del Mobile Milano 2024: gli eventi da non perdere Justme Milano: inaugurata la summer season. Aperta la terrazza estiva con la salita su Torre Branca La prima edizione di Fashionality: il workshop in cui l’immagine diventa strumento efficace dell’identità personale L’eccellenza italiana promossa dai giovani: a Milano debutta il Festival del Made in Italy. L’artigianato riparte dalle nuove generazioni Lusso Gentile: un progetto che punta a una rivoluzione culturale. Intervista a Gianluca Borgna, dal Grand Hotel Alassio Milano Fashion Week tra consuetudine e riforma. Valore allo streetstyle: la nostra Fotogallery Milano Fashion Week: un’edizione genderless e cosmopolita. Il nostro fotoreportage Armani Silos: la nuova mostra targata Aldo Fallai per Giorgio Armani Il mondo 2xMuse: a Vercelli il second hand è lusso, arte e community Solution Journalism Network: il “giornalismo delle soluzioni” compie dieci anni Milano, attenti alle strade: ci sono cinque euro da raccogliere. La nuova campagna di street marketing targata Gimme5 Mercato delle case a Milano: “L’agente immobiliare deve essere onesto e trasparente” Giardino zen: un angolo di pace tra le mura di casa Nasce People&Tourism, il magazine sull’ospitalità Mal di testa: i consigli dell’osteopata per combatterlo La Sicilia è servita: la cucina di Giusina su Food Network Storie e valori attraverso capi e accessori: Erika Bijoux and More, dove il quotidiano si fa leggerezza e autenticità

Milano, una delle terrazze panoramiche più belle. Intervista a Massimo Maio, dall’ultimo piano de La Rinascente

Sentirsi arrivati è, secondo Massimo, l’indizio di qualcosa che inizia a non funzionare più. «È un errore che -dice- un imprenditore non dovrebbe commettere mai: questo, accanto a quello di perdere l’occhio d’impresa. C’è poi una caratteristica che, invece, un professionista deve avere o imparare a sviluppare: il coraggio di rischiare -sottolinea- anche a costo di sbagliare».
Non ha paura di parlare degli errori che, negli anni, ha commesso: è da quelli, spiega, che sono nati i suoi più grandi successi.
Massimo Maio, imprenditore nel mondo della ristorazione, racconta del suo lavoro dall’ultimo piano de La Rinascente di Milano: lì, dove ha uno dei suoi locali, il Maio Restaurant.

Il segreto nelle tre B: bellezza, bontà e benessere

Una location esclusiva, forse una delle poche che può permettersi di non avere una clientela definita, semplicemente perché su quella terrazza ci vogliono andare tutti. Turisti, milanesi, passanti: il Maio Restaurant, forte anche della splendida veduta sull’intera piazza del Duomo, è il luogo dove chiunque ha bisogno di fermarsi per una pausa che coniughi il piacere di una buona tavola a quello dell’immersione nella bellezza. Una bellezza capace di unire il fascino della storicità allo charme della modernità.

Non solo. Il cliente non è semplicemente attratto dal ristorante: al Maio Restaurant, il cliente, sta bene. E questo è il frutto di una cura a cui Massimo è attento tutti i giorni: «Perché -spiega- il focus è su quello di cui ha bisogno l’ospite. Cosa piace a lui, di cosa necessita: le volontà del gestore passano in secondo piano».

Questo è solamente uno dei segreti che a Massimo si possono rubare per capire come raggiungere una tale risultato; per gli altri, basta sentirlo parlare. È sufficiente ascoltarlo mentre racconta delle persone che lavorano per lui, ad esempio: non li chiama dipendenti, mai. Li definisce collaboratori e sottolinea più volte che sono loro, “quelli che lavorano”. Un rispetto che definisce, così, un ambiente sereno, equilibrato, in cui il cliente non può che sentirsi appagato.

stradadelrisovercellese.it

Cura: questa, in fondo, la parola chiave. Per i clienti, per lo staff. Ma anche nella scelta dei partner e delle idee da abbracciare: Massimo dice che non gli piace parlare di soldi. Lui ama parlare di progetti. La parte economica viene di conseguenza, così come è sempre stato conseguenziale, per lui, il guadagno. La sua attenzione è perennemente rivolta alla qualità di un lavoro, di un servizio, a ciò che può portare in termini di immagine.

Non è scontata la risposta che Massimo dà quando gli si chiede quale sia l’ingrediente segreto di un successo imprenditoriale. Il lavoro costante, quotidiano dice. Ma, aggiunge, è fondamentale credere davvero in quello che si fa. E non solo a parole.

Previous Article

“DEL NERO”, un’esposizione del sentire contemporaneo: a Vercelli la prima mostra di Caterina Del Nero

Next Article

La Milano ‘esotica’ lascia spazio al Biellese: in Piazza del Duomo rododendri e canfore

You might be interested in …

Lusso Gentile: un progetto che punta a una rivoluzione culturale. Intervista a Gianluca Borgna, dal Grand Hotel Alassio

Un binomio che parla da sé; un binomio che non è solo l’insieme di due termini, ma l’unione di veri e propri concetti, è la coesione di più valori, è la connessione tra volontà e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.