Aprile 19, 2024
11 °C Roma, IT

Percorso editoriale di Brand Journalism

Ultimissime
Salone del Mobile 2024: Giorgio Armani presenta “Echi dal mondo” Salone del Mobile Milano 2024: gli eventi da non perdere Justme Milano: inaugurata la summer season. Aperta la terrazza estiva con la salita su Torre Branca La prima edizione di Fashionality: il workshop in cui l’immagine diventa strumento efficace dell’identità personale L’eccellenza italiana promossa dai giovani: a Milano debutta il Festival del Made in Italy. L’artigianato riparte dalle nuove generazioni Lusso Gentile: un progetto che punta a una rivoluzione culturale. Intervista a Gianluca Borgna, dal Grand Hotel Alassio Milano Fashion Week tra consuetudine e riforma. Valore allo streetstyle: la nostra Fotogallery Milano Fashion Week: un’edizione genderless e cosmopolita. Il nostro fotoreportage Armani Silos: la nuova mostra targata Aldo Fallai per Giorgio Armani Il mondo 2xMuse: a Vercelli il second hand è lusso, arte e community Solution Journalism Network: il “giornalismo delle soluzioni” compie dieci anni Milano, attenti alle strade: ci sono cinque euro da raccogliere. La nuova campagna di street marketing targata Gimme5 Mercato delle case a Milano: “L’agente immobiliare deve essere onesto e trasparente” Giardino zen: un angolo di pace tra le mura di casa Nasce People&Tourism, il magazine sull’ospitalità Mal di testa: i consigli dell’osteopata per combatterlo La Sicilia è servita: la cucina di Giusina su Food Network Storie e valori attraverso capi e accessori: Erika Bijoux and More, dove il quotidiano si fa leggerezza e autenticità

Nail Art: un business in espansione e le tendenze. Intervista alla professionista Larisa Bazgan

Avere mani e unghie curate si mostra, sempre di più, come un’esigenza. Sono i dati a raccontare questo trend: secondo il rapporto annuale di Cosmetica Italia, si osserva una crescita costante che non si è fermata né durante la pandemia né nell’era post Covid.

«È vero, negli ultimi anni abbiamo assistito a un vero e proprio boom di interesse in particolar modo verso la manicure, tra i vari trattamenti estetici – conferma l’onicotecnica professionista e nail artist Larisa BazganOggi molte persone, donne e uomini, hanno capito che una mano curata è un buon biglietto da visita, indipendentemente dal lavoro che si fa».

foto di Larisa Bazgan

Il business della manicure: dagli smalti ai trattamenti per le mani fino ai centri dedicati

Gel, semipermanente, smalto classico. E poi creme, oli. Oggi la cosmesi dedicata alla cura e alla bellezza delle mani conta centinaia di prodotti e trattamenti differenti: una cosmesi a cui uomini e donne amano dedicarsi sia nei centri estetici sia a casa. Tra le motivazioni più concrete, c’è la possibilità di accedere a cosmetici e servizi professionali anche spendendo cifre adeguate a quella che è la media nazionale di introiti di un singolo: tra i 20 e i 30 euro si aggira il costo medio, in Italia, di una manicure semplice; si sale leggermente, arrivando tra i 35 e i 45 euro se si tratta di una manicure con applicazione di smalto semipermanente, gel o acrilico.

Anche per quanto riguarda il benessere delle mani il mercato è alla portata di tutti: in farmacia si possono acquistare oli e creme che si aggirano intorno ai 30/40 euro, ma nella grande distribuzione e nelle catene di profumerie è possibile trovare molte lozioni anche al di sotto dei 10 euro.

«Questo, però, non deve farci cadere nell’inganno di pensare che spendere poco sia sempre la soluzione giusta. O meglio – specifica Larisa –, anziché concentrarci sul prezzo dei trattamenti, è fondamentale fare attenzione alla pulizia che un centro estetico ti garantisce. Intendo la pulizia dei locali e, soprattutto, degli strumenti, che devono essere sterilizzati o monouso. Durante la manicure è possibile che fuoriesca un po’ di sangue dalle cuticole dalle mani di chi ha la pelle più sottile e delicata, per cui se si utilizzano strumenti non adeguatamente puliti si può incorrere nel rischio di malattie trasmissibili. Affidarsi solo a centri estetici di cui siamo sicuri e solo a professioniste di cui abbiamo certezza delle loro competenze, che lavorano con cura e senza fretta, è importante non solo per il risultato estetico ma anche e soprattutto per la nostra salute».

La manicure come strumento di espressione del sé

Si chiama Effetto Rossetto la teoria finanziaria secondo la quale in momenti economicamente difficili (a livello individuale e/o sociale) si registra un aumento delle vendite dei prodotti di lusso di minor prezzo, come appunto i rossetti (per le donne, mentre il profumo è la scelta degli uomini). Una teoria che simboleggia e che descrive perfettamente quanto la cura di sé abbia effetti benefici sulla psiche, soprattutto in periodi di difficoltà.

«Non solo: attraverso la cura di sé stessi si esprime la propria persona e la propria personalità. In particolar modo attraverso la manicure e la nail art – spiega Larisa – possiamo raccontare chi siamo, perché è uno dei trattamenti con i quali si può giocare di più: colori, lunghezze, applicazioni. Si esprime la propria individualità, ma anche il proprio umore: io, ad esempio, mi accorgo dello stato d’animo delle mie clienti (Larisa parla al femminile perché la sua è un’utenza totalmente di donne, NdR) dal colore di smalto che scelgono di farsi stendere. Oppure c’è chi decide sempre per lo stesso colore, perché quello, ormai, è diventato testimonianza della sua personalità. Negli ultimi anni c’è, per fortuna, molta più consapevolezza di quanto sia importante manifestare il proprio sé e questo è un processo che passa anche da un trattamento estetico».

foto di Larisa Bazgan

Primavera estate 2024: le tendenze

Dal rosa nude al verde menta, dall’azzurro al giallo pastello: secondo i fashion magazine più accreditati, le tendenze dei prossimi mesi ci chiedono colori accesi ma dalle sfumature tenui, accompagnati anche da nuance più leggere come il beige sabbia e il rosa cipria.

«Ciò che conta, più di tutto, è seguire solo le tendenze che sentiamo davvero nostre. Non conta solo che ci piacciano: ricordiamoci che la nostra manicure racconta al mondo chi vogliamo dire di essere, per cui è giusto che questa sia in linea con la nostra persona. In linea generale – ci aggiorna Larisa – andranno molto i colori fluo, per chi vuole osare. Per chi ama l’effetto naturale ma non vuole passare inosservato, una scelta potrebbe essere il bianco latte. Poi, come ogni primavera, via a colori pastello come il lilla, verde salvia, l’arancione albicocca oppure nail art floreali. In ogni caso – conclude Larisa – io garantisco sempre anche una consulenza alle mie clienti: molte di loro mi mostrano fotografie prese dal web per farmi capire come vorrebbero le unghie e io cerco sempre di ragionare insieme a loro se, per quello che sarà l’effetto estetico finale e per gli impegni quotidiani che hanno, sia la scelta giusta».

foto di Larisa Bazgan

Larisa Bazgan lavora a Vercelli, in Via Borgogna 5.
Per contattarla, si può scrivere al suo profilo Facebook oppure prenotare una consulenza al numero di telefono +39320901508

comunicazione commerciale
tutti i diritti sono riservati ©

Previous Article

La Milano ‘esotica’ lascia spazio al Biellese: in Piazza del Duomo rododendri e canfore

Next Article

Milano Fashion Week tra consuetudine e riforma. Valore allo streetstyle: la nostra Fotogallery

You might be interested in …

La prima edizione di Fashionality: il workshop in cui l’immagine diventa strumento efficace dell’identità personale

Un cambio di prospettiva, nuove riflessioni da fare, voglia di cambiamento: questi sono solo alcuni dei feedback che i partecipanti alla prima edizione di “Fashionality” hanno lasciato dopo il workshop. Evento organizzato dalla Brainding e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.